Vacanze in Somalia, chiunque?

Bashir Osman si muove in fretta lungo una spiaggia di sabbia bianca, con istruzioni di un autista guida di un bulldozer. Vicino a loro, un grande camion è traghettando via mucchi di rocce, aprendo una spiaggia baciata dal sole lambita dalle azzurre acque blu dell’Oceano Indiano.

Lavoro qui è ben avviata come Osman preme avanti con il suo nuovo progetto di svariati milioni di dollari: per costruire un resort di lusso a Mogadiscio, capitale della Somalia devastata dalla guerra.
“Sapevo che un giorno che Mogadiscio diventi la pace e ti stabilità”, dice Osman, già proprietario di due alberghi in città. “Ecco perché ho iniziato a comprare quella terra.”
Dopo più di 20 anni di violenze, Somalia mosso un passo avanti verso la stabilità nel settembre scorso dopo aver raccolto il suo primo presidente eletto in casa da decenni.
“Se si va a Mogadiscio la costruzione è molto, molto forte espansione”, dice Osman. “Questo è il segno di pace”, aggiunge. “Soprattutto le persone che tornavano dall’America e l’Europa, cominciano ad aprire le nuove imprese.”
Anche se la sicurezza è ancora un problema, Mogadiscio sta vivendo una rinascita economica in questi ultimi mesi, sostenuta da membri della diaspora ritorno a casa per ricostruire il paese, così come gli sforzi degli imprenditori locali che non hanno mai lasciato.
Osman, che rimase in Somalia durante il suo conflitto, spera che il suo nuovo sviluppo attirerà turisti dall’estero. Lui dice che ha già avuto i visitatori americani e inglesi che soggiornano nei suoi alberghi.
E ora, la speranza sta gradualmente tornando a parti del paese dell’Africa orientale.
Crescita dell’economia Mogadiscio si manifesta non solo nel settore immobiliare e il settore alberghiero. Telecomunicazioni è anche in aumento, mentre l’industria del trasporto aereo sta diffondendo le sue ali di troppo, con circa 15 voli giornalieri nazionali e internazionali.
“Abbiamo sei percorsi diversi e fondamentalmente prossimo saremo otto”, dice Osman Abdullahi, un giovane imprenditore somalo che ha configurato la linea aerea espressa ggi. “Ci sono un sacco di compagnie aeree che hanno in programma di (venire) questo paese e nella speranza di (avere) un hub qui.”
Abdullahi ammette che lasciare gli Stati Uniti nel 2010 per tornare a casa e iniziare la sua attività è stato un “grande rischio al 100%.”
E nonostante la lunga lista di sfide, Mogadiscio imprenditori come Osman sono fiduciosi di un futuro più luminoso.
Ma le forze di sicurezza somale sono riusciti a vanificare molti attacchi suicidi e ha arrestato alcuni agenti di al-Shabaab si nascondono tra la popolazione della capitale.
“La situazione è generalmente buona per il momento – le forze di sicurezza stanno controllando molto bene”, ha detto Ondoga. “Qui in città oggi, i grossi calibri sono tranquille, le strade sono illuminate, molti (in) diaspora stanno tornando, di nuova costruzione è in corso, settore in piena espansione,” ha detto.

Le entrate doganali raccolti da qui è cresciuto in maniera esponenziale negli ultimi tempi. E mentre il sistema è ben lungi dall’essere perfetto, il reddito è fondamentale per il nuovo governo nella ricostruzione della città, le cui infrastrutture di base è stato distrutto dalla guerra.
Attualmente, l’economia della Somalia è in gran parte sostenuto da un aiuto da parte dei governi donatori, mentre il contesto economico relativamente pacifica è appoggiato dalla Missione dell’Unione africana in Somalia Africana (AMISOM).
Le forze di sicurezza hanno spremuto la Qaeda legata islamista gruppo militante di Al Al-Shabaab da Mogadiscio, ma gli insorti ancora si nascondono e lanciare periodicamente attacchi terroristici.
Brigadiere Michael Ondoga, di AMISOM, ha detto alla CNN di recente che, sebbene al-Shabaab è stata “ampiamente sconfitto” a Mogadiscio, ci sono ancora problemi con i suoi membri “di fusione tra la popolazione” e approfittando di grandi dimensioni della città per nascondersi.

Dice che quando è tornato in Somalia, era troppo pericoloso per guidare anche a Mogadiscio. “Quella foto è già andato. Si tratta di un quadro diverso oggi,” dice.
Questa nuova immagine può essere assistito al porto di Mogadiscio – chiave bene nazionale della Somalia – dove le gru sollevano scricchiolanti merci dalle navi commerciali e barche che costeggiano il porto. La vasta gamma di materiali da costruzione importati, casalinghi e alimentari vengono poi caricati su file di camion in attesa.

“Più di 20 turisti sono venuti”, dice. “Alcuni di loro sono venuti con la loro famiglia per mostrare Somalia, specialmente a Mogadiscio”, aggiunge Osman. “E davvero quando tornarono, erano così eccitati quando hanno visto come Mogadiscio assomiglia, come città bella che abbiamo, come bella spiaggia che abbiamo e che è ciò che vogliamo mostrare loro ancora e ancora.”
Nuovi ambiziosi progetti di Osman sono parte di una crescente attività edilizia che sta rimodellando molti dei quartieri di proiettile cavalcato Mogadiscio.

EU-Asia